"Ho sentito attorno a me il luogo stesso dove la mente assembla
immagini e organizza intenzioni:
nell’appuntare e mirare i frattali,
nella realtà artificiale delle nuove
collocazioni essi mutavano
sembianze
e rivelavano nuovi
racconti inaspettati".
Daniele Oppi particolare da "Via dell'Orso verso ponte vetero", tecnica mista su cartone 1949

Notizie sulle attività attorno alla figura del pittore
e sulle mostre a lui dedicate


....

DANTE 100 PER 100
CENTO ARTISTI PER CENTO CANTI DELLA DIVINA COMMEDIA
Prima Cantica - INFERNO
10-29 luglio 2007 - Chiostro dei Glicini della Società Umanitaria
via Daverio, 7 - Milano

Inaugurazione
Martedì 10 luglio 2007 - ore 19.00
presentazione di Andrea B. Del Guercio
Diparimento d'Arte e Antropologia del Sacro - Accademia di Belle Arti di Brera


Grazie all’impegno profuso dalla Cooperativa Raccolto nell’arco di 5 anni, alla Società Umanitaria, a luglio, si apre - in anteprima nazionale - la prima parte della mostra Dante 100x100, ovvero 100 artisti contemporanei chiamati a interpretare singolarmente la divina opera del Divin Poeta: una Cantica, 34 opere d’arte.
L’idea è nata da Giacomo Lodetti e resa possibile da Daniele Oppi (prematuramente scomparso l’anno scorso) per la Cooperativa Raccolto insieme con la Libreria Bocca, nel duplice intento di celebrare l’opera del sommo Poeta e di pungolare gli artisti, soci e aderenti del Raccolto, affinché si cimentassero con una personale interpretazione del canto a loro assegnato.
Ne è scaturita, dopo un periodo di intenso lavoro, una singolare panoramica dell’arte contemporanea, palesata da piccole e significative opere originali.
Dalla Medusa irriverente di Stefano Pizzi alla costellazione di dannati di Paolo Baratella, dalla bufera degli Amanti di Luigi Granetto al Cerbero di Ugo Sanguineti che divora un corpo di donna. Ed altri 30 ancora in un viaggio sicuramente suggestivo.
“Allor si mosse, e io li tenni dietro”, con la chiusa del Primo Canto, interpretato da Ernesto Treccani, nostro Virgilio, ci prepariamo ad un’evento di grande rilievo culturale che coinvolge importanti personalità dell’arte contemporanea.


Società umanitaria

in coordinamento con la COOPERATIVA RACCOLTO

DANIELE OPPI
Questione di punti di vista

Un ricordo a più voci
Voci - Opere - Suoni
per ricordare Daniele oppi

Intervengono
Rossana Bossaglia, Franco Manzoni, Massimo Silvano Galli,
Graziella Ricci, Gianfranco Pagliarulo, Franco Lucchesi,
Rino Crivelli, Gianni Degli Antoni, Arturo Colombo, Franco Floreanini,
Giorgio Seveso, Piero Fabbri, Giuliano Zosi, Padre Eligio Gelmini


Lunedì 29 maggio 2006 • ore 18.00 - 21.00
Salo
ne degli Affreschi della Società Umanitaria
Via Daverio 7 – Milano


La serata si chiude alle ore 21.00 con
una lettera mai scritta” per pianoforte (1995)
del Maestro Giuliano Zosi


INFO: tel. 02-5796831

Cooperativa Raccolto
Cascina
del Guado - Robecchetto con Induno
Parco del Ticino - Milano
tel. 0331/875337
fax 0331/876557
http://www.raccolto.org
Mailto: raccolto@raccolto.org


Il 12 aprile 2006 al Museu de Premià de Dalt ( Barcelona, Catalunya - España) si inaugura la mostra personale di Daniele Oppi Paesaggi dell'animo 2, Paisatges de l'ànima. In collaborazione con: Associaciò d'Artistes de premià de dalt, Cooperativa RACCOLTO, Coop. Guado, Iriden comunicazione, Comune di Robecchetto con Induno, Ajuntament de Premià de Dalt

Febbraio 2006 - PRESENTAZIONI DI LIBRI E RIVISTE
Il Movimento Federalista Europeo - Sezione di Prato, con il contributo del Comune di Prato - Assessorato alla Cultura e la collaborazione dell'ARCI di Prato, organizza una serie di presentazioni di libri e di riviste sul tema:

Per una nuova Cittadinanza Europea.

Tutti gli incontri si terranno alla Libreria Marzocco via Valentini, 7 - Prato - tel. 0574/574015

• Venerdì 10 febbraio 2006 - Ore 17.30
L'Orso Europeo, ovvero il negozio dei giocattoli di Gianfranco Draghi (RaccoltoEdizioni)
Parteciperanno: Gianfranco Draghi e Daniele Oppi

• Venerdì 17 febbraio 2006 - Ore 21.00
"Proposta per l'Europa", n° 3 del 2005 di «Democrazia e diritto»
Trimestrale del Centro di studi e iniziative per la riforma dello stato (Edizioni Franco Angeli)
Parteciperà il Direttore Prof. Umberto Allegretti

• Venerdì 24 febbraio 2006 - Ore 21.00
«Re: viste sulla letteratura e le arti. ITA - ES - USA», numero 1 "LITWARE. L'ennesima potenzialità della letteratura" (Editrice Zona)
Parteciperanno: Tommaso Lisa e Alessandro Raveggi

Gli incontri di approfondimento sui testi proposti saranno rivolti al vasto pubblico. L'intento dell'MFE Prato è di coinvolgere il più ampio numero di cittadini e di esponenti della società civile pratese, dando agli incontri un taglio divulgativo e non specialistico.


Sabato 14 gennaio 2006 alle ore 11,00 presso le Sale di Palazzo Te in Mantova, nell'ambito delle celebrazioni per il centenario della CGIL, verrà inaugurata l'esposizione “Arte è Pensiero - Cento artisti per il centenario della CGIL. Daniele Oppi, assieme ad altri 99 artisti italiani, è stato invitato a partecipare ad un evento espositivo sui temi della solidarietà sociale, della pace e della fratellanza in occasione del Centenario della CGIL.
La mostra sarà corredata da un catalogo e curata dal prof. Andrea B. Del Guercio, titolare della cattedra di Storia dell’Arte presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Organizzazione Mario Ferrario e Stefano Pizzi.


Lunedì 21 novembre 2005 alle ore 18 si inaugura a Palazzo Isimbardi, in Corso Monforte 35 a Milano, la mostra "Compagni di strada. Gli artisti e le lapidi della Resistenza a Milano". Esposizione di sessanta opere d'arte contemporanea realizzate per il sessantesimo della Liberazione. D. Oppi è fra gli artisti presenti.
Daniele Oppi partecipa, con altri soci della Cooperativa Raccolto,
alla mostra

The beautiful Guangzhou
Arte senza confini
Dal 14 al 27 settembre 2005
Inaugurazione venerdì 14 alle ore 18:00 al Museo Civico d'Arte Contemporanea di Albissola Marina (Sv)
Il Collegio Nazionale dei Capitani di Lungo Corso e Macchina, ente promotore e coordinatore, il Comune di Albissola Marina, la Fondazione Orchestra Sinfonica di San Remo, enti organizzatori, ospiteranno nel mese di settembre un nutrito gruppo (35) di artisti cinesi provenienti da Guangzhou (ex Canton).
Per la rara occasione al Museo Civico d'Arte Contemporanea di Albissola verrà organizzata una mostra d'Arte Cino-Italiana.

Arte da mangiare, mangiare arte
Spazio Oberdan, Provincia di Milano, Ingresso.
1 febbraio 2004

IMPOSSIBLE ART
NOTHING TO EAT
Elaborazione Lambda - Avir
da dipinto di Daniele Oppi
Il volto della paura e del coraggio
acrilico su tavola cm. 150 x 200 - 1969

fotografie da
evergreen review
november 1969 - New York, N.Y.
Annuncio di richiesta fondi in aiuto delle famiglie (colored people) sotto la soglia della povertà nelle aree depresse degli Stati Uniti d’America

“paravento” a tre ante in legno di cipresso multistrato a fondo nero con applicazione impaginativa di F. Oppi,
su base artigiana di Martinoni di Castano Primo.



Per una esposizione a Malvaglio,
in ricordo della “Pina”

Dal 7 dicembre 2003
fino alla Befana del 2004

Al bar di Emma e Gianni
in frazione Malvaglio di Robecchetto con Induno

Volevo affrontare il tema della pace, disegnando con matite colorate su fogli bianchi.
Ho pensato ai bambini delle scuole, e ai loro disegni pacifisti: colombe, arcobaleni, ulivi, fiori, vita serena... Ma io non ci sono riuscito.
Il tema è indicibile, e così mi sono trovato, tragicamente, coinvolto nella indignazione per la guerra. Parlare di Pace è proprio solo “parlare”, a meno che si voglia dare risposta adeguata e indignata alla minaccia della guerra, se non addirittura alla sua presenza.
Pace è quindi lotta, difesa. Di più: è anche guerra alla guerra.
Agli inizi del ‘900 venne conferito il premio Nobel per la Pace all’italiano Ernesto Teodoro Moneta. Ecco un suo pensiero del 1897: “La guerra essendo un ritorno alla barbarie, che divinizza la forza, risveglia quasi sempre nei popoli, costretti a combatterla, gli istinti feroci”.
Molti artisti hanno mostrato gli orrori della guerra e ogni volta che l’hanno fatto è stato per ergersi a difensori della Pace.
Il grande rispetto per la pace e per la sua salvaguardia non consente tregua a chi trama guerre e violenza. E' forse possibile che giunga il tempo in cui la guerra venga preventivamente denunciata come crimine contro l’umanità. Ma a tutt’oggi la guerra non è perseguita legalmente, messa all’indice, proibita e impedita a chiunque voglia intraprenderla o dichiararla.
E così, da quel santo, pacifico giorno, saranno per primi gli artisti a tentare di riuscire a raffigurare la pace nel suo naturale e pacifico splendore.
Dovremo assistere ancora per molti anni ai telefilm in cui i protagonisti sono il mitra, la pistola, la bomba, l’esplosione, il massacro, lo stupro, lo strangolamento, l’accoltellamento ecc. ecc.?
Questo inverecondo spettacolo si chiama intrattenimento...
Dovremo ancora per molto ricevere nobili messaggi su carta stampata e in TV che pongono la guerra come questione naturale e inevitabile?
Da parte mia porto colori e segni, piccoli e semplici, per illustrare -solo illustrare- segnali di guerra, vicino ai miei concittadini e amici di Malvaglio che in questo bar pacificamente sostano e si scambiano i loro sentimenti.
Con buona pace per chi la Pace non vuole.

Dicembre 2003 Daniele Oppi

Omaggio a Leonardo

Esposizione di un'opera di Daniele Oppi al
MUSEO DELLA SCIENZA E DELLA TECNOLOGIA LEONARDO DA VINCI

MILANO • 2 - 31 OTTOBRE 2003

Il Cenacolo per l’Ultima Cena. 1495, anno di inizio dell’opera al Refettorio delle Grazie, Milano “Vidi il Maestro lavorare dal sorgere del sole alla sera, scordatosi il mangiar et il bere”
(Matteo Bandello).

Daniele Oppi nel 1991 appresta una litoserigrafia per il faldone del RACCOLTO, dal titolo “L’Ultima Cena”, amando fin da giovinetto il Maestro degli incroci e stravolgimenti delle discipline separate, separatore accanito di ogni unione e convergenza, fidante in ogni sua ricerca e fatica, appagate dalle insoddisfazioni, unici semi di verità.
Gran gioia simbolica pervade Daniele Oppi contemplando, ormai vecchio, un nipote di sei anni nomato Leonardo Oppi.
In somma gratitudine per il Modello e per amore delle tecniche scientifiche, Daniele ha realizzato in bottega, con l’aiuto del figliolo Francesco (per lui Primo) e di Roberto Riva (Salaì) questa tavola lambdagrafica di cm. 187x125 dedicata a Leonardo da Vinci nel 2003 per l’esposizione
Arte da mangiare

MULINO VECCHIO DI BELLINZAGO
DAL 21 SETTEMBRE AL 5 OTTOBRE 2003

Mostra personale di pittura
Daniele Oppi
Mala oppinio
Quaestio de Aqua et Terra

Inaugurazione mostra
DOMENICA 21 SETTEMBRE - ORE 16
Coordinatore mostra: GIUSEPPE RUBICCO

Opere in acrilico su tela:

Dea fluviale (Brasileira) - cm. 140x140
Minimalia animale - cm. 110x80
Inconsapevoli delle minacce - cm. 90x90
Acquario terrestre - cm. 100x70
L’uomo avido di terra e acqua - cm. 70x100
Invasione della natura durante le ferie - cm. 70x100
L’amore si muove nell’acqua - cm. 70x100
La fantasia dei mulini operosi - cm. 70x100
Inquinamento sommerso - cm. 70x100
Quattro contro tutti - cm. 70x50
Acque silenti - cm. 24x30

Opera in acrilico su tavola:
Vita frenetica dentro e attorno all’acqua - cm. 110x75

Disegno su carta:
Vita campestre - cm. 35x50

Frammenti visti dall’oblò:
Serie grafica di cinque frammenti, diametro cm. 38.
Da una tiratura di 5 esemplari per tipo, numerata e firmata
(lambdagrafica, supporto plast)

Da domenica 2 febbraio 2003, ore 10
AL MUSEO DELLA SCIENZA E DELLA TECNOLOGIA

Sotto gli auspici di “Arte da mangiare-mangiare Arte” Oppi espone il trittico “Gargantua e Pantagruel”, (spiluppo cm. 216x70 – acrilici su 3 tele) ispirato ai testi di François Rabelais, con una tavola dedicata all’erba Pantagruelium, che presenta l’erba stessa ritrovata in rarissima sopravvivenza dall’artista Antonella Parolo nei pressi della cascina del Guado sul Naviglio, a Robecchetto (ore 11,30 del 27 febbraio).
Con le opere di Oppi è esposta la dedica di Gianmaria Garavaglia.
Un grazie a Cristina Vicamini, Davide Galdini e Giuseppe Rubicco per l’allestimento.


ANTEPRIME E ANTEFATTI

AREGARIO DI MONZA 24 Giugno/14 Luglio 2002

1 - ANTEPRIME ANTEFATTI
Nove dipinti creati nel 2001 tra il 15 luglio e il 29 agosto, dipinti sulle ante di un armadio in demolizione del Guado. Gli eventi esplosioni -letteralmente- a New York poco dopo, hanno riconfermato in me uno dei sensi più inspiegabili dell’arte, la sua fatale, naturale e inconsulta connessione con gli accadimenti epocali.
Certo, in arte, le spiegazioni sembrano talvolta pleonastiche, come quelle che si vogliono dare, sotto forma di risposta, a fondamentali “ragioni” -irragionevoli- dell’essere, dell’esistere.
Ho deciso di indagare -nonostante tutto- sulle forme, seguire colori di queste opere e sulle “realtà” ivi contenute, identificando alcune presenze da distaccare dagli originali e da presentare come nuovi originali, che vivono in una pseudo clonazione dalla personalità “altra” e autonoma. Dimensione fuori dallo spazio tempo delle ante.



Si è conclusa il primo marzo 2002" l'antologica americana" di Daniele Oppi tenutasi alle "segrete di Bocca" di Milano che ha suscitato un grande interesse di pubblico e di critica. Il prossimo appuntamento con l'artista sarà in Spagna, a Premià De Dalt verso la metà di luglio. La mostra verterà sui lavori più recenti 2001/2002.